Bilancio Sociale

BILANCIO SOCIALE 2017

Introduzione

Premessa

Il bilancio sociale della nostra cooperativa è un importante strumento di valutazione e d’informazione. Si propone di fornire ai Soci uno sguardo d’insieme sul lavoro svolto, in particolare rispetto all'inserimento lavorativo, scopo statutario di Croce del Sud. Si prefigge inoltre di “dare conto” all'esterno, a tutti gli interlocutori della cooperativa, degli obiettivi sociali raggiunti e delle difficoltà riscontrate.

Il bilancio sociale include alcuni aspetti del bilancio economico, ma soprattutto informazioni e analisi qualitative e quantitative sui processi sociali prodotti, non presenti nelle tradizionali analisi economiche, e necessari per valutare l'utilità sociale prodotta e impostare l'attività futura.

Cristina Cecchini


Perché il Bilancio Sociale?

La predisposizione del Bilancio Sociale di Croce del Sud risponde alle esigenze di:

• Disporre di una rendicontazione sociale delle attività della Cooperativa;
• Determinare il valore aggiunto (ricchezza prodotta) e la sua ridistribuzione presso i soggetti che rappresentano i portatori di interesse verso le attività della Cooperativa, attraverso la riclassificazione del conto economico;
• Evidenziare come la Cooperativa conferisce il proprio contributo alla costituzione di quello che può definirsi capitale sociale di un territorio;
• Comparazione dei risultati anno per anno

Il BS rappresenta uno strumento che integra il Bilancio d’esercizio predisposto in conformità alle norme civilistiche, procedendo, come detto attraverso la riclassificazione del conto economico, ma anche e soprattutto illustrando attività, mezzi impiegati risultati ottenuti nel corso dell’esercizio annuale, volendo esprimere in termini qualitativi e quantitativi ciò che nel bilancio d’esercizio viene espresso in termini di valore economico.

Il BS è uno strumento che si integra con il Sistema di Gestione per la Qualità in quanto funzionale alla misurazione, in termini di impatto, della Politica per la Qualità della Cooperativa e dei diversi processi gestiti per tradurla in pratica.


A chi è rivolto il Bilancio Sociale?

Il BS è rivolto a tutti coloro che rappresentano dei portatori di interesse verso le attività della Cooperativa, e quindi:

• Soggetti interni – quali i soci delle diverse categorie statutarie e i lavoratori non soci;
• Soggetti esterni – quali committenti, destinatari, partner, ecc.

Inoltre, il BS si rivolge a soggetti che, pur non rappresentando specificatamente dei portatori di interesse, possono costituire per la Cooperativa degli interlocutori con i quali intraprendere nel futuro delle relazioni significative.


Approccio metodologico al Bilancio Sociale

Volendo rispondere alla domanda: “Come viene costruito il Bilancio Sociale?” la risposta potrebbe essere che il BS intende rappresentare:

• Un processo – ossia il metodo e le attività attraverso le quali viene a progressivamente a costruirsi la rendicontazione sociale della Cooperativa;
• Un prodotto – ossia il risultato finale del processo di cui sopra, che si sostanzia in un documento, con particolare cura alla sua diffusione, presso i portatori di interesse, in primis, ma anche verso coloro che non conoscendo la Cooperativa possono, così, assumere informazioni in merito.

Logica incrementale

Il BS lo si vuole costruito secondo il principi della logica incrementale, in base alla quale la forma della sua prima edizione (BSn.0) non rappresentava una struttura immutabile nel tempo ma, al contrario, una modalità di partenza dalla quale, via via negli anni, si andava a realizzare, sviluppando ulteriori piani di analisi e raccogliendo nuovi dati, quella progressiva costruzione del BS in quanto processo.

Strutturazione del Bilancio Sociale Come detto nel BS, al fine di disporre di uno strumento affidabile, s’è ritenuto opportuno individuare quale riferimento i “Principi di redazione del bilancio sociale” elaborati a cura del GBS - Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale, stampato a cura di Adnkronos Comunicazione S.p.A. – Roma - Aprile 2001.

Nei “Principi (…)”, la Struttura ed i contenuti del bilancio sociale vengono riassunti in tre parti:

1. IDENTITA’ AZIENDALE
2. PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO
3. RELAZIONE SOCIALE
I principi dei quali s’è tenuto conto nella redazione del BS sono quelli indicati nel documento citato e vengono espressi in termini di:
1. Responsabilità
2. Identificazione
3. Trasparenza
4. Inclusione
5. Coerenza
6. Neutralità
7. Competenza di periodo
8. Prudenza
9. Comparabilità
10. Comprensibilità, chiarezza ed intelligibilità
11. Periodicità e ricorrenza
12. Omogeneità
13. Utilità
14. Significatività e rilevanza
15. Verificabilità dell’informazione
16. Attendibilità e fedele rappresentazione
17. Autonomia delle terze parti

Correlazione con l’atto d’indirizzo della Regione FVG


Con le Deliberazione della Giunta Regionale 9 ottobre 2008, n. 1992 - Atto d’indirizzo concernente gli elementi informativi e i criteri minimi di redazione del Bilancio sociale – vengono definiti i principi, gli elementi informativi e i criteri minimi di redazione del bilancio sociale, nonché la tempistica per l’adeguamento all’obbligo della sua redazione, nell’ottica di introduzione graduale dello strumento.
In riferimento alle relative componenti, viene di seguito indicata, a livello macro, la correlazione con la struttura del presente documento. Per un maggior grado di dettaglio si rimanda alla matrice di correlazione specifica.

1.

Descrizione della metodologia e delle modalità adottate per la redazione e l’approvazione del bilancio sociale

INTRODUZIONE

2.

Informazioni generali sulla cooperativa e sugli amministratori

PARTE 1 – IDENTITA’

3.

Struttura, governo ed amministrazione della cooperativa

PARTE 1 – IDENTITA’

4.

Obiettivi e attività

PARTE 1 – IDENTITA’

PARTE 3 – RELAZIONE SOCIALE

5.

Esame della situazione economica e finanziaria

PARTE 2 – VALORE AGGIUNTO

6.

Pubblicità

INTRODUZIONE

Percorso

Nella redazione periodica del BS, verrà seguito un percorso che prevede il periodico riesame della struttura del BS, fermi restando gli elementi in adempimento a quanto riportato al § precedente. Nella pratica del riesame verranno presi in considerazione gli esiti delle rilevazioni presso alcuni stakeholder in merito ai contenuti ed alle modalità comunicative adottate nel BS. A fronte delle evidenze così raccolte, il BS si farà carico, nelle successive edizioni, di implementare nei suoi contenuti quanto emerso dai diversi stakeholder, ritenendo anche questo un passaggio importante ai fini del coinvolgimento degli stessi nella pratica della sua redazione.

 

Ulteriori specificazioni

Il bilancio sociale è sottoposto all’approvazione dei competenti organi sociali congiuntamente al bilancio di esercizio. Nella tabella a seguire vengono specificati ulteriori aspetti correlati.

Periodo di riferimento

Corrispondente all’esercizio contabile

Non corrispondente all’esercizio contabile

Eventuale bilancio preventivo sociale

SI’

NO

Organo che ha approvato il bilancio sociale

Assemblea dei Soci

Organo che ha controllato il bilancio sociale

Consiglio di Amministrazione

Data di approvazione

25 maggio 2018

Obbligo di deposito presso il registro delle imprese ai sensi dell’art. 10, comma 2, del decreto legislativo 155/2006

SI’

NO

Pubblicità

Il presente bilancio sociale sarà pubblicizzato tramite pubblicazione sul sito internet della cooperativa.
Ogni socio della cooperativa riceve una copia del Bilancio sociale.

 

 

PARTE 1 – IDENTITA’

1. Identità della Cooperativa Settori nei quali la cooperativa produce o scambia beni e servizi di utilità sociale, con indicazione dei beni e servizi prodotti o scambiati.

Croce del Sud società cooperativa sociale
Sede Legale: Via Fabio Severo, 31 – 34133 TRIESTE
Unità Locale: loc. Padriciano – 34149 TRIESTE
C.F. e P. I.V.A.: 00947570321

Codici attività ATECO 2007

Attività esercitate presso la sede legale:

  • 81.21 Attività di pulizia e sanificazione;
  • 47.62.2 Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio;
  • 81.3 Cura e manutenzione del paesaggio (inclusi parchi, giardini e aiuole);
  • 49.41 Trasporto di merci su strada.

Attività esercitate presso l’unità locale:

  • 96.09.04 Servizi di cura degli animali di compagnia (escluso servizi veterinari).

1.1 come nasce la Cooperativa Croce del Sud

è stata costituita nel marzo del 1998 da alcuni soci della cooperativa Stella Polare in collaborazione con il Villaggio del Fanciullo, allo scopo di inserire nel mondo del lavoro i giovani in difficoltà ospitati nella struttura di Opicina.

I settori di attività alla data della fondazione erano quelli dell’artigianato artistico e delle manutenzioni edili, ai quali sono stati aggiunti nel corso dei primi anni di attività il settore delle pulizie e delle manutenzioni del verde, ampliando così i servizi offerti e il numero dei soci lavoratori.


1.2 valori di riferimento

I valori di riferimento che hanno ispirato il percorso della Cooperativa sono richiamati nello Statuto, ove si afferma che:

Art. 3 (Scopo mutualistico)

La Cooperativa, conformemente alla legge 381/91, non ha scopo di lucro; suo fine è il perseguimento dell'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini attraverso lo svolgimento di attività diverse, agricole, industriali, commerciali o di servizi finalizzate all'inserimento lavorativo delle persone appartenenti alle categorie svantaggiate.
La Cooperativa, inoltre, è retta e disciplinata secondo il principio della mutualità senza fini di speculazione privata ed ha anche per scopo quello di ottenere, tramite la gestione in forma associata, continuità di occupazione lavorativa e le migliori condizioni economiche, sociali e professionali per i soci lavoratori.

Tali valori sono ripresi e sviluppati dalla Carta dei Valori delle Cooperative sociali di inserimento lavorativo associate al Consorzio Interland approvata nel marzo del 2005:

1. PRINCIPI GENERALI

1.1“L’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini”
Noi crediamo che il perseguimento dell’interesse generale della comunità rappresenta lo scopo, il punto di verifica e di discrimine di tutte le attività delle nostre cooperative sociali: esso sostiene e dà origine ad ogni ulteriore principio o rapporto, incluso quello della mutualità interna tra i soci. Le specifiche attività che le nostre cooperative sociali svolgono altro non sono che lo strumento concreto attraverso il quale tale interesse generale prende corpo. Riteniamo altresì che le nostre attività concrete non esauriscano di per se stesse tale interesse generale ma ne sono continuamente influenzate e messe in discussione, restituendo alle nostre organizzazioni un respiro ed un orizzonte sempre più ampio della nostra missione.
Noi crediamo nella centralità della persona umana con la sua unicità, dignità, storia personale e le sue risorse;
Noi crediamo nella comunità locale quale luogo significativo entro il quale la persona ha il diritto ed il dovere di esprimere se stesso e valorizzare le sue attitudini e competenze; quale spazio e tempo entro il quale si colloca l’azione della singola cooperativa e nella quale vengono riconosciuti e valorizzati i legami e le reti di relazioni, nella condivisione di progetti ed aspettative future, di bisogni ed opportunità;
Noi crediamo nella priorità e l’inderogabilità dei diritti sociali, quale garanzia di cittadinanza per tutti e per essere persone con pari dignità nella società;


1.2 Il lavoro e la cooperativa

Noi crediamo nella dimensione etica del lavoro, quale spazio di auto realizzazione e di creatività, ed in particolare del lavoro in cooperativa come laboratorio di socialità, di responsabilità diffusa, di confronto dialettico, di integrazione delle conoscenze e della comunicazione, di partecipazione democratica alle scelte importanti della vita sociale dell’impresa;
1.3 La responsabilità
Noi crediamo nella sussidiarietà attiva, che valorizza il ruolo delle singola cooperativa sociale in una rete di interventi e servizi nel territorio, in un rapporto di confronto e collaborazione con le istituzioni pubbliche e private, non solo in termini gestionali e di produzione di beni e servizi, ma anche nella programmazione, realizzazione e valutazione del sistema locale di interventi sociali.

 

1.3 Oggetto sociale

Art. 4 (Oggetto sociale)
Considerato lo scopo mutualistico, definito nell'art. 3) del presente Statuto, la Cooperativa ha come oggetto lo svolgimento delle seguenti attività in forma diretta e/o in appalto o convenzione con Enti Pubblici o privati in genere:

A) LAVORI DI MANOVALANZA, FACCHINAGGIO, DISTRIBUZIONE E TRASPORTI VARI;
B) LAVORI DI ARTIGIANATO, IN CAMPO ARTISTICO E NON, DELLA LAVORAZIONE DEL LEGNO, DEL FERRO E DI ALTRI MATERIALI;
C) LA COMMERCIALIZZAZIONE, ANCHE ATTRAVERSO PUNTI VENDITA GESTITI IN PROPRIO, DEI PRODOTTI REALIZZATI DALLA COOPERATIVA E DI OGNI ALTRO TIPO DI PRODOTTI, DI QUALSIASI PROVENIENZA;
D) RECUPERO, RACCOLTA, RICICLO E STOCCAGGIO DI RIFIUTI, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA TUTELA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO;
E) SERVIZI DI INFORMATICA, ED IN PARTICOLARE CORSI, PROGRAMMAZIONE E PRODUZIONE DI PRODOTTI SOFTWARE, INSTALLAZIONE, FORNITURA E MANUTENZIONE DI HARDWARE, SERVIZI INTERNET E RELATIVI A RETI TELEMATICHE ED IN GENERALE OGNI ATTIVITA' CONNESSA;
F) SERVIZI DI FOTOCOMPOSIZIONE E STAMPA;
G) ATTIVITA' EDITORIALE E PUBBLICITARIA;
H) SERVIZI DI RILEVAZIONE, IMMISSIONE E GESTIONE DATI, DI DIGITALIZZAZIONE TESTI, DI SEGRETERIA, DI RILEVAZIONE E MONITORAGGIO DEL TERRITORIO E DELLA POPOLAZIONE, DI TRADUZIONI;
I) ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI CONGRESSI E MANIFESTAZIONI CULTURALI ED ECONOMICHE, ANCHE FORNENDO SERVIZI INFORMATIVI, DI CUSTODIA E DI SORVEGLIANZA;
J) ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ANCHE PER CONTO DI TERZI DI SERVIZI INFORMATIVI OFFERTI TRAMITE SPORTELLI O ALTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE;
K) CONSULENZA, ORGANIZZAZIONE E FORNITURA DI SERVIZI DI SUPPORTO DI EVENTI E MANIFESTAZIONI PUBBLICHE E PRIVATE, IN PROPRIO O PER CONTO DI TERZI;
L) CORSI DI MUSICA E CANTO, CORSI RELATIVI ALLE ATTIVITA' ARTIGIANALI ED ARTISTICHE DI LAVORAZIONE DEL VETRO, METALLO ED ALTRI MATERIALI;
M) LAVORI DI COSTRUZIONE, DI MANUTENZIONE, DI IMPIANTISTICA, ED IN GENERALE NEL CAMPO DELL'EDILIZIA, ANCHE IN SUBAPPALTO E PER CONTO DI TERZI;
N) SERVIZI ATTINENTI LA MANUTENZIONE E COSTRUZIONE DI AREE VERDI, ANCHE NEL CAMPO DELLA SELVICOLTURA, DELLA RIFORESTAZIONE E DEI LAVORI AGRICOLI IN GENERALE;
O) LAVORI DI ASSEMBLAGGIO, DI CONTROLLO, DI MONTAGGIO;
P) LAVORI DI PULIZIA PRESSO UFFICI, LOCALI, STRUTTURE RESIDENZIALI;
Q) GESTIONE DI PARCHEGGI E SERVIZI DI VIGILANZA E CUSTODIA NON ARMATA;
R) GESTIONE DI ATTIVITA' DI RISTORO E DI STRUTTURE RICETTIVE ANCHE TURISTICHE E DI INTRATTENIMENTO;
S) LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' FORMATIVA E DI ADEGUATI CORSI DI FORMAZIONE, RIQUALIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE, ANCHE ATTRAVERSO LA GESTIONE DI STRUTTURE OPPORTUNAMENTE PREDISPOSTE, CON L'ESCLUSIONE DELLE ATTIVITA' EDUCATIVE DI CUI ALLA LETTERA A), ART. 2, LEGGE 381/91;
T) IL COMMERCIO IN NOME E PER CONTO PROPRIO, IN NOME E PER CONTO ALTRUI (RAPPRESENTANZA), IN NOME PROPRIO E PER CONTO ALTRUI (COMMISSIONE) ALL'INGROSSO DI ARTICOLI TECNICI PER L'UFFICIO, CANCELLERIA, CARTA, CARTONE, SCAFFALI IN METALLO ED IN LEGNO, SEDIE E DIVANI, MOBILI, MACCHINE PER UFFICIO, PERSONAL COMPUTERS E COMPONENTI, APPARECCHIATURE ELETTRONICHE E COMPONENTI, PRODOTTI MONOUSO PER L'UFFICIO, MATERIALE ED ATTREZZATURE PER CENTRI MECCANOGRAFICI, STAMPATI, MODULI CONTINUI, ARTICOLI DA CARTOLERIA, GIOCHI E GIOCATTOLI, ARTICOLI DA REGALO, SOUVENIR, PELLETTERIE, MISURATORI FISCALI, LIBRI E PUBBLICAZIONI, AUDIOVISIVI, VIDEOCASSETTE, SUPPORTI MAGNETICI ED OTTICI, ELETTRODOMESTICI E PICCOLI ELETTRODOMESTICI, MATERIALE ELETTRICO, DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA, ABITI DA LAVORO, APPARECCHIATURE AUDIO E HI-FI, TELEVISORI, ARTICOLI PER CERIMONIE E BOMBONIERE, FOTORIPRODUZIONE ATTI, SERVIZIO FAX, ASSUNZIONI DI AGENZIE E RAPPRESENTANZE CON E SENZA DEPOSITO; COMMERCIO AL DETTAGLIO DEGLI ARTICOLI PREVISTI DALLA TABELLA MERCEOLOGICA XIV DEL MINISTERO DELL'INDUSTRIA E COMMERCIO, NELLA CATEGORIA "PRODOTTI VARI";
U) LA PRODUZIONE DA MATERIE PRIME O DA SEMILAVORATI DI MATERIALE DI CANCELLERIA PER UFFICIO, ARTICOLI DA REGALO, ARREDAMENTO O COMPONENTI ED ACCESSORI D'ARREDO, PRODOTTI CARTOTECNICI, TIMBRI, STAMPATI, GADGETS, GIOCATTOLI, STAMPATI PERSONALIZZATI;
V) IL TRASPORTO, LA LAVORAZIONE, LO STOCCAGGIO E LA VENDITA DI MATERIALE RICICLABILE;
X) L'ATTIVITA' DI CURA, ASSISTENZA ED ADDESTRAMENTO DI ANIMALI E L'ORGANIZZIONE DI MANIFESTAZIONE CONNESSE (ES. GARE, CONCORSI E RADUNI);
W) LO SVOLGIMENTO DI QUALSIASI ATTIVITA' CONNESSA O AFFINE A QUELLE SOPRA ESPOSTE.


1.3.1 principali attività

I settori di attività di Croce del Sud nel 2017 sono stati i seguenti:

1. Pulizie - Dal 2012 la cooperativa era impegnata in Associazione Temporanea d’Impresa con la cooperativa Basaglia di Trieste e la cooperativa Idealservice di Pasian di Prato – Udine nell’appalto ATER per i servizi di pulizie del comprensorio di Rozzol – Melara.  L’ attività si è conclusa nel maggio del 2017, non essendo Croce del sud riuscita ad aggiudicarsi la gara d’appalto indetta nel novembre 2016. Ciò ha provocato il licenziamento dei 4 soci impegnati nel settore, che sono stati assunti dalla società aggiudicataria del servizio.

2. Manutenzione del verde – Per quanto riguarda il settore della manutenzione del verde, la cooperativa si occupa della pulizia dei giardini del Comune di Trieste. Nel corso del 2017 è stata ottenuta una nuova aggiudicazione degli appalti. Il servizio, gestito in associazione temporanea d’impresa con altre cooperative del territorio, consolida il rapporto di collaborazione con queste realtà ed inoltre ha permesso di poter assumere due soci lavoratori.
I giardini oggetto dell’intervento, sono molto frequentati da persone di tutte le fasce di età e distribuiti in tutta la provincia. Il mantenimento quotidiano del decoro, della pulizia e della sicurezza dei giardini è quindi direttamente collegato alle modalità e alle possibilità d’uso di questi spazi da parte dei cittadini. L’attività si presta inoltre ad essere immediatamente e costantemente verificata dai fruitori e dalla committente.
Nel dicembre 2017 si è ottenuta una proroga del servizio fino al mese di aprile 2018.


3. Punto vendita cancelleria Offic€31 – Il punto vendita, ha iniziato l’attività nel gennaio 2012. Nel corso dell’esercizio si è ancora incrementato il fatturato, curando costantemente la tipologia della merce in vendita e dei servizi richiesti dalla clientela.
Il punto vendita vede un costante aumento dell’attività, confermandosi un servizio apprezzato dai clienti che risultano essere sempre di più studi professionali che esercitano nella zona circostante. Si sono fidelizzati anche gli studenti della vicina università.

4.Centro cinofilo Wedog - Nel settembre 2015 la cooperativa ha iniziato la nuova attività di servizi rivolta agli animali domestici, presso l’unità locale di Padriciano.
Nel 2017 è stato fatto un ulteriore investimento finalizzato alla presentazione di un progetto per la costruzione di una struttura che ci permetta di aumentare la ricettività del centro visto il costante aumento delle richieste di accoglimento in pensione da parte dei proprietari di cani. A fine anno l’iter delle autorizzazioni si è concluso e si è individuata una ditta edile per l’esecuzione dei lavori. Si è inoltre fatta domanda di contributo ai sensi della Legge Regionale 20 per un contributo di € 26.000 che è stato assegnato. A copertura delle spese si è concordato con la BCC di Staranzano e Villesse un ampliamento del mutuo sottoscritto nel 2014. In aprile del 2017, inoltre, i soci di Croce del sud hanno costituito una nuova società cooperativa agricola per poter attuare un allevamento di cani labrador nella struttura di Padriciano, e poter attuare nuove strutture dedicate all’attività di allevamento.
Nel corso dell’anno sono state inserite due nuove figure professionali specializzate nel settore cinofilo e consolidate quelle già esistenti.


1.4 Missione-finalità

Croce del Sud è una cooperativa sociale costituita nel 1998 allo scopo di favorire l’inserimento lavorativo di persone in situazione di svantaggio ed esclusione sociale e di migliorare le loro condizioni economiche, professionali e sociali.
Gli strumenti per raggiungere questi obiettivi sono principalmente le attività lavorative della cooperativa, che devono essere costantemente incrementate, sviluppate e organizzate al fine di garantire le migliori opportunità di inserimento lavorativo.
La mission della cooperativa è quindi sintetizzabile nei seguenti quattro punti:
- incrementare la quantità di opportunità di inserimento lavorativo e di formazione professionale;
- sviluppare la qualità dei prodotti e dei servizi, sia come qualificazione professionale dei Soci, sia come aumento del valore aggiunto per il cliente;
- organizzare l’attività della cooperativa intorno alle esigenze dei Soci, coniugandole con quelle dei clienti e dell’impresa;
- favorire e stimolare la partecipazione dei Soci attraverso incontri di coordinamento, scambio e confronto e momenti di formazione.


1.5 strategie e obiettivi a medio/lungo termine

Nel medio/lungo termine la cooperativa dovrà confrontarsi con la probabile riduzione e/o mancanza delle gare di appalto nel settore di manutenzione del verde. La Pubblica Amministrazione, tradizionale interlocutore della cooperazione sociale, ridurrà le risorse a disposizione, sia quelle dedicate al sociale che quelle dedicate alle esternalizzazioni dei servizi e necessarie a garantire l’inserimento lavorativo.
In questa prospettiva, la cooperativa intende:
- portare a regime l’attività di weDog quanto prima e non oltre il primo semestre del 2018;
- consolidare e ricercare nuovi mercati per i settori esistenti.
- avviare nuove progettualità inerenti all’attività di cinofilia;
- candidarsi per la gestione del Bagno Ausonia a partire dalla stagione 2018.


1.6 obiettivi a breve termine…

Anche nel 2017 la cooperativa, stante la crisi economica che ha coinvolto l’intero Paese si è impegnata sui seguenti obiettivi:
- ridurre i danni, garantire la continuità dell’impresa e la massima continuità dei posti di lavoro;
- ottenere la ri-aggiudicazione degli appalti che la cooperativa gestisce;
- implementare le nuove attività individuate negli ultimi esercizi;
- creare nuove collaborazioni sul territorio per future collaborazioni e sviluppi commerciali.

1.6.1 … e loro raggiungimento

Sotto la pressione delle difficoltà e della crisi economica, Croce del Sud ha continuato anche nel 2017 una fase di ricerca, analisi e riflessione interna volta ad approfondire opportunità alternative ai tradizionali settori di intervento. L’obiettivo è di individuare nuovi settori di sviluppo della cooperativa e nuovi mercati per le attività esistenti.
In questo contesto, i fattori che non sono sotto controllo della cooperativa sono l’indeterminatezza dei cambiamenti di mercato e l’elevato rischio legato agli investimenti, che rappresentano ancora oggi i principali ostacoli alla definizione di una precisa strategia di sviluppo
Non è possibile, nell’ambito del presente Bilancio Sociale, effettuare una puntuale valutazione quali/quantitativa dei risultati conseguiti ed in particolare dell’impatto sul tessuto sociale a causa della carenza dei relativi dati.
Si rimanda questa valutazione al bilancio sociale 2018.

1.7 appartenenze, reti, collaborazioni

Croce del Sud aderisce ai seguenti Consorzi:

-Consorzio Interland società cooperativa sociale: il Consorzio eroga servizi nei settori amministrativi e del lavoro ed opera in qualità di general contractor a favore delle associate

-Consorzio Ausonia società cooperativa sociale ONLUS: Croce del Sud è tra i soci fondatori del Consorzio Ausonia che, nel 2005 ha raccolto la sfida di rilevare, gestire e rilanciare lo storico stabilimento balneare Ausonia a Trieste


Aderisce inoltre alle seguenti associazioni di rappresentanza:

-Confcooperative – Federazione delle Cooperative e Mutue di Trieste


-Legacoop FVG – Lega delle Cooperative del Friuli Venezia Giulia

 

1.7.1 partecipazioni


Croce del Sud partecipa alle seguenti società:

Partecipate

Attività svolta

Titolo

Consorzio Interland Società Coop. Sociale

Servizi amministrativi/settore paghe e promozione commerciale delle associate

Socio

Consorzio Ausonia Società Coop. Sociale - ONLUS

Gestione e sviluppo servizi turistici integrati

Socio

FINRECO - Consorzio Reg. Garanzia Fidi Soc. Coop. a r.l.

Scopo dell’adesione è quello di poter accedere agli strumenti di sostegno finanziario creditizio che Finreco assicura ai propri associati.

Socio

Banca Pop. Etica S.C.P.A.

 

Croce del Sud aderisce alla Banca Pop. Etica dal 2014. Scopo dell’adesione è quello di consolidare il rapporto tra cooperazione sociale triestina e l’istituto bancario in questione che promuove strumenti finanziari a favore del mondo no profit.

Socio

WEDOG Società Coop. Agricola

Nel 2017 è nata la WEDOG Società Cooperativa Agricola cui Croce del Sud aderisce sia in qualità di socio ordinario che di socio sovventore. Scopo dell’adesione è l’affinità delle attività e progettualità per quanto riguarda lo sviluppo dell’attività cinofila.

Socio

 

1.8 territorio di riferimento

Il territorio di riferimento delle attività della cooperativa è quello di Trieste e della sua provincia.

1.9 organizzazione della Cooperativa

L’organizzazione della Cooperativa persegue quanto previsto dallo Statuto, che indica nell’Assemblea dei Soci l’organo sociale di maggior importanza, chiamato ad approvare i bilanci e destinare gli utili, nominare gli Amministratori e l'eventuale Collegio Sindacale e sulle loro responsabilità, approvare i regolamenti interni e le scelte strategiche dell’impresa (Statuto - Art. 22 - Funzioni dell'Assemblea).
Il Consiglio di Amministrazione è investito dei più ampi poteri per la gestione della società, esclusi solo quelli riservati all'assemblea dalla legge (Statuto - Art. 28 - Compiti del Consiglio di Amministrazione).
Il Presidente è eletto dal Consiglio di Amministrazione e ha la rappresentanza della Cooperativa di fronte ai terzi e in giudizio, è autorizzato a riscuotere pagamenti, nominare avvocati e procuratori e, previa delibera del Consiglio, può conferire speciali procure, per singoli atti o categorie di atti, ad altri Consiglieri oppure ad estranei.
In caso di assenza o di impedimento del Presidente, tutti i poteri a lui attribuiti spettano al Vice Presidente. La rappresentanza della Cooperativa spetta, nei limiti delle deleghe conferite, anche ai Consiglieri Delegati, se nominati e il Consiglio può nominare direttori generali, institori e procuratori speciali (Statuto - Art. 32 – Rappresentanza).


1.9.1 Assemblea – partecipazione della base sociale

La vita associativa della cooperativa durante il 2017 è di seguito sintetizzata:

Assemblee

2017

2016

2015

Ordinarie

1

1

1

Straordinarie

-

-

-

TOTALE

1

1

1

 Partecipazione dei Soci

Tipologia

2017

2016

2015

Data Assemblea

29.05.2017

30.05.2016

29.05.15

n. presenti + deleghe

11+3

          9+3

12+2

Data Assemblea

 

 

 

n. presenti + deleghe

 

 

 

 

 

 

 

 

Dato medio presenze

14

12

14

 

 

 

 

 

Partecipazione dei soci alle assemblee rispetto all’intera base sociale:

 

Soci aventi diritto

Soci presenti

Soci rappres.

Soci assenti

% presenti

% rappres.

% assenti

Assemblea ordinaria del 29.05.2017

17

11

3

3

64.70%

17.65%

17.65%

Media

17

11

3

3

64.70%

16.75%

16.75%

 

La partecipazione dei Soci alle Assemblee è in media abbastanza elevata, con un dato vicino al 65% di presenti e supera l’80% contando anche i Soci rappresentati. Le Assemblee si limitano spesso a quella obbligatoria di bilancio, situazione che si spiega anche con il fatto che la cooperativa organizza frequenti incontri e riunioni con i soci.

1.9.2 Consiglio di Amministrazione – composizione e attività

Il Consiglio di Amministrazione è composto da un numero di Consiglieri variabile da due a sette, eletti dall'Assemblea ordinaria dei soci, che ne determina di volta in volta il numero. La maggioranza dei componenti del Consiglio è scelta tra i soci cooperatori, e/o tra le persone indicate dai soci cooperatori persone giuridiche. Gli Amministratori non possono essere nominati per un periodo superiore a tre esercizi consecutivi e scadono alla data dell'Assemblea convocata per l'approvazione del bilancio relativo all'ultimo esercizio della loro carica (Statuto, Art. 27 - Consiglio di Amministrazione).
L’Assemblea ordinaria, già nel 2012, aveva deliberato che vista la sostanziale riduzione dei soci lavoratori, il CdA fosse composto da due membri e, con l’assemblea del 29/05/2015 è stata riconfermata la scelta.
Per effetto dell’entrata in vigore, dal 1° gennaio 2018, del nuovo testo dell’art. 2542 c.c., con il quale si prevede che l’amministrazione della società debba essere affidata ad un organo collegiale formato da almeno tre soggetti, la cooperativa con l’assemblea dei soci del 26 febbraio 2018, ha provveduto alla nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione formato da tre membri. Il nuovo Consiglio di Amministrazione, in carica fino all’approvazione del Bilancio dell’esercizio 2020, è quindi così composto:

Nome

Carica

Data prima nomina

Cristina Cecchini

Presidente

19.03.1998

Marina Antonicelli

Vicepresidente

19.05.2010

Lisa Bencic

Consigliere

26.02.2018

I membri del Consiglio che ricoprono cariche anche presso altre organizzazioni sono:

Nome

Ente

Carica

Cristina Cecchini

Consorzio Interland

Consigliere

Agli amministratori non sono corrisposti compensi per ricoprire la specifica carica elettiva.

1.9.3 controllo contabile

Croce del Sud si avvale di un Revisore Legale confermato con l’Assemblea del 29 maggio 2015, nella persona della dott.ssa Paola Vuch.
L’assemblea ha deliberato il compenso del Revisore secondo i termini previsti dal tariffario del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti.


1.9.4 organigramma

L’organo di governo è individuato nel CdA, come previsto dall’art. 27 e seguenti dello Statuto. Per favorire la gestione dell’impresa, la cooperativa si avvale di una struttura organizzativa che, determinata dal CdA, assume rispetto a questo specifiche responsabilità in merito a:

  • Direzione generale e gestione delle risorse umane
  • Gestione dei Settori
  • Amministrazione

1.9.4.1 distribuzione delle responsabilità

La struttura organizzativa può essere così rappresentata:

Direttore

Direzione generale

Gestione risorse umane

Gestione Qualità e Sicurezza

Tenuta Libri sociali

 

Responsabili di Settore

Ricerca di commesse

Programmazione attività

Gestione risorse umane del settore

Controllo cantieri, materiali, attrezzature, ecc.

Stesura consuntivi

 

Amministrazione

Controllo gestione, prima nota, cassa e banca

Tenuta rapporti con commercialista e consulente paghe

Incassi e pagamenti

Segreteria e archivio

 

 

1.9.4.2 operatività

La cooperativa prevede tre unità operative per il settore di manutenzione del verde composte in totale da 6 Soci lavoratori.
Per il servizio del negozio Office31 la cooperativa si avvale di una persona, impegnata anche nel reparto amministrativo.
Nell’attività cinofila, svolta a Padriciano presso il centro “weDog”, sono inserite 3 persone dedicate all’attività di gestione dei vari servizi offerti e un socio che svolge prevalentemente servizi di manutenzione del verde e di pulizia del sito.

1.9.4.3 sedi - mezzi – attrezzature

Le attività produttive della cooperativa non si svolgono presso la sede sociale, che invece ospita gli uffici amministrativi e il punto vendita di articoli di cartoleria e fornitura per l’ufficio.
Presso il comprensorio di Rozzol Melara (Trieste) la cooperativa dispone di uno spazio utilizzato come magazzino e per il rimessaggio dei macchinari per i servizi di pulizie. Dal mese di giugno 2017, terminato il lavoro di pulizie in subappalto, per parte degli spazi è stato stipulato un contratto di locazione con la IDEALSERVICE Società Cooperativa in modo da rientrare, almeno parzialmente, dei costi sostenuti per il magazzino.
L’attività di pulizie (svolta fino al mese di maggio 2017) utilizzava 3 mono spazzole, mentre l’attività di manutenzione del verde utilizza 3 furgoni leggeri per la raccolta del materiale di risulta. I materiali di consumo sono immagazzinati in un locale presso la sede sociale.
L’attività cinofila realizzata a Padriciano, si svolge presso il centro servizi per animali domestici weDog. La sede, oltre la casa rurale ristrutturata con annessa la piscina, è in fase di ampliamento e ulteriore definizione per quanto riguarda gli spazi esterni.

1.9.5 sistema di gestione per la qualità

La Cooperativa ha ottenuto la certificazione dei settori operativi (certificazione UNI EN ISO 9001:2008), nel mese di luglio 2011.
Il mantenimento della certificazione è soggetto a sorveglianza annuale e subordinato al rispetto dei requisiti essenziali, da parte della società che la ha rilasciata.
Nel luglio 2017 la certificazione è stata riconfermata.


1.9.6 mappa degli stakeholders

Gli Stakeholder di Croce del Sud sono così identificati:

 

Direttamente coinvolti

Indirettamente coinvolti

 

Determinano le scelte, le influenzano e ne sono influenzati.

Orientano la determinazione delle scelte e ne sono influenzati.

Interni

Soci

Assemblea

CdA

Revisore contabile

Persone in borsa di formazione e lavoro,

Consulenti.

 

Collaborano o interagiscono in modo continuativo.

Potrebbero interagire e interagiscono episodicamente, intenzionalmente o meno.

Esterni

Clienti e committenti

Pubblica amministrazione

Consorzi

Servizi sociali

Organizzazioni cooperative

Fornitori

Istituti di credito

 

Sindacato

Comunità locale


PARTE 2 – VALORE AGGIUNTO

2.1 equivalenza e bilanciamento con la contabilità generale di esercizio

In base all’approccio metodologico scelto e in precedenza esplicitato, il concetto di valore aggiunto assume valenza fondamentale nella predisposizione del BS.
La riclassificazione del conto economico è volta a rappresentare come la ricchezza prodotta dalla Cooperativa, vada a distribuirsi a favore dei propri portatori di interessi (stakeholders), siano essi interni, siano essi esterni.
La ricchezza prodotta è data dalla differenza tra i ricavi, ottenuti fondamentalmente dalla vendita dei propri servizi, ed i costi intermedi della produzione, quelli cioè determinati da elementi diversi dal lavoro, in quanto la remunerazione del lavoro non viene considerata un costo, ma una delle voci di ridistribuzione del valore aggiunto.
La riclassificazione del conto economico porta, quindi, in sé un profondo senso di “lettura altra” degli elementi costituitivi del bilancio civilistico, tesa ad esplorarne i significati di valenza sociale, senza al contempo contraddirne la logica dei relativi principi contabili che ne è alla base.
Prima di procedere con la riclassificazione, si riassumono in forma semplificata i principali dati di bilancio e, in riferimento al conto economico, si propone una sintetica analisi dei ricavi e dei costi.

2.1.1 situazione patrimoniale ed economica

PROSPETTO STATO PATRIMONIALE

Forma semplificata

2017

2016

2015

STATO PATRIMONIALE ATTIVO

 

 

 

Crediti verso soci

--

362

413

Immobilizzazioni

406.881

393.832

394.762

Attivo circolante

291.463

258.467

241.345

Ratei e risconti

9.998

10.764

12.391

TOTALE ATTIVO

708.342

663.425

648.911

STATO PATRIMONIALE PASSIVO

 

 

 

Patrimonio netto

281.292

283.152

269.457

Fondi per rischi e oneri

7.942

7.942

-

Trattamento fine rapporto di lavoro subordinato

35.383

37.908

46.387

Debiti

347.795

332.893

332.643

Ratei e risconti

35.930

1.530

424

TOTALE PASSIVO

708.342

663.425

648.911

 


Le immobilizzazioni sono costituite da immobilizzazioni materiali ed immateriali necessarie al funzionamento della struttura, dalle partecipazioni in altre cooperative e consorzi che rappresentano un investimento duraturo e strategico e dalle cauzioni in denaro. Elemento rilevante, iscritto nelle immobilizzazioni è il terreno in località Padriciano (TS) acquistato nel 2014 e destinato allo sviluppo dell’attività inerente la cura ed assistenza dei cani e l’organizzazione di manifestazioni connesse: nel corso del 2015 si sono attuati i lavori preparatori per lo svolgimento dell’attività. Pur non essendo del tutto completata la struttura, già dal mese di settembre del 2015 sono iniziate alcune delle attività previste che sono poi aumentate nel corso del 2016 e del 2017. Si presume di riuscire a completare i lavori nel corso del 2018 così da raggiungere così la piena operatività.

L’attivo circolante ricomprende i crediti verso clienti, i crediti tributari, crediti di altro tipo collegati al funzionamento della Cooperativa, e dalle disponibilità liquide.

Il patrimonio netto è dato dalle azioni del capitale sociale sottoscritte dai tredici soci della cooperativa alla data del 31/12/2017 e dalle riserve indivisibili.

Il trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato è dato dall’effettivo debito della cooperativa al 31/12/2017 nei confronti dei propri dipendenti in forza a tale data. Il fondo non comprende gli anticipi già corrisposti né le indennità maturate a partire del 1° gennaio 2007 e destinate ad altre forme pensionistiche complementari ai sensi del D. Lgs. N. 252 del 5 dicembre 2005.

L’indebitamento è costituito da debiti verso banche per finanziamenti, verso fornitori, da debiti tributari e verso istituti previdenziali e da altri debiti quali ad esempio quelli maturati verso i dipendenti della cooperativa in relazione alle competenze del mese di dicembre 2017 e alla quantificazione dei ratei di ferie e permessi non goduti a quella data.

Ratei e risconti, sia attivi che passivi, sono stati determinati in considerazione dell’effettiva competenza di ricavi e costi, dell’esercizio considerato.

PROSPETTO CONTO ECONOMICO

Forma semplificata

 

2017

 

2016

  2015

VALORE DELLA PRODUZIONE

587.205

590.166

558.012

COSTI DELLA PRODUZIONE

575.487

564.871

499.369

Differenza tra Valore e Costi della Produzione

11.718

25.295

58.643

PROVENTI E ONERI FINANZIARI (saldo)

(11.085)

(11.251)

(9.838)

PROVENTI E ONERI STRAORDINARI (saldo)

-

-

-

IMPOSTE SUL REDDITO D’ESERCIZIO

5

116

403

RISULTATO DI GESTIONE

628

13.928

48.402

 

Per effetto dell'applicazione del D.Lgs. 139/2015, si è proceduto con la riclassificazione di alcune voci di bilancio: il D.Lgs. 139/2015 prevede infatti l’abrogazione della voce E) del conto economico del bilancio (proventi ed oneri straordinari) e la riclassificazione delle poste in essa registrate.
Per garantire la comparabilità dei bilanci degli esercizi 2015, 2016 e 2017, la riclassificazione è stata eseguita anche sulle poste dell’esercizio 2015.

Nel valore della produzione sono compresi i ricavi derivanti dalla prestazione di servizi nell’ambito delle attività svolte dalla cooperativa: pulizie (fino al mese di maggio 2017), manutenzione del verde, dagli introiti derivanti dall’attività di commercio al dettaglio di articoli da ufficio che la cooperativa ha intrapreso a partire dal 2012 e dalle attività, iniziate dal mese di settembre 2015 e, per il 2017, da considerarsi ancora regime ridotto in quanto la struttura non è ancora totalmente operativa, legate alla cura e all’assistenza dei cani e all’organizzazione di manifestazioni connesse.

La cooperativa opera nei confronti di privati, Enti Pubblici e in ATI con altre cooperative e società.

La voce “costi della produzione” è invece il totale dei costi imputabili all’esercizio inerenti all’acquisto di materiale di consumo, di servizi, di godimento di beni di terzi, per il personale, le quote di ammortamento e gli oneri diversi di gestione.
Proventi e oneri finanziari sono composti principalmente da interessi attivi maturati sul conto corrente bancario e interessi passivi per la dilazione di debiti tributari, per il mutuo acceso nel 2014 per l’acquisto del terreno di Padriciano (TS) e per il finanziamento concesso nel 2015 per fronteggiare l’acquisto di un mezzo di trasporto.

2.1.2 analisi dei ricavi

In merito ai ricavi delle vendite e delle prestazioni, rispetto alla determinazione del valore della produzione, è evidenziato, nel prospetto a seguire, l’andamento osservato nell’ultimo triennio.

 

2017

2016

2015

Ricavi delle vendite e delle prestazioni

561.201

588.651

553.715

Altri ricavi e proventi

26.004

1.515

4.297

VALORE DELLA PRODUZIONE

587.205

590.166

558.012

 

-       0,502%

 

 

 

+ 5,762%


Rispetto al 2017, il valore della produzione è pressoché invariato (- 0,502%): si registra una diminuzione nei ricavi delle vendite e prestazioni (- € 27.450) dovuta principalmente alla chiusura del servizio di pulizie nel maggio 2017 e, si registra un aumento negli altri ricavi e proventi ( + € 24.489) determinato dalla rilevazione dei contributi di competenza dell’esercizio concessi dalla REGIONE FVG (Legge 20/2006) e dal COMUNE DI TRIESTE in relazione alle attività svolte nell’ambito dei lavori di pubblica utilità 2017/2018.


In merito ai ricavi delle vendite e delle prestazioni, ne viene di seguito evidenziata la composizione, in forma comparata rispetto all’esercizio precedente:

Voce di ricavo

 

2017

 

        %

2016

%

1 - Ricavi pulizie privati

26.114

4,65%

62.674

10,65%

2 - Ricavi manutenzione verde Enti Pubblici

475.632

84,75%

493.279

83,79%

3 – Attività vendita al dettaglio (OFFIC€ 31)

21.765

3,88%

19.817

3,37%

4 – Attività di cura e assistenza cani (WEDOG)

37.690

6,72%

12.881

2,19%

4- Servizi diversi

-

-

-

-

TOTALE RICAVI

561.201

100,00%

588.651

100,00%

 

La composizione dei ricavi comparata rispetto al precedente esercizio, rileva:

  • La diminuzione nei servizi di pulizie verso privati (chiusura servizio maggio 2017),
  • Una diminuzione nei ricavi di manutenzione dl verde pubblico per conto del Comune di Trieste: la flessione è determinata da una minore base d’asta delle gare che la cooperativa si è comunque aggiudicata nel corso dell’esercizio.
  • Un andamento pressoché costante dei ricavi registrati dal punto vendita Offic€ 31.
  • Un incremento rilevante (190%) del centro di assistenza e cura per cani We DOG. L’aumento si spiega con gli investimenti che dal 2016 vengono effettuati sulla struttura per renderla sempre più efficiente dal punto di vista dei servizi offerti.

2.1.3 analisi dei costi

Per quanto attiene la dimensione dei costi, vengono specificate le voci che ne costituiscono la composizione, con relativi importi ed incidenze, in riferimento agli ultimi due esercizi.

Voce di costo

2017

%

2016

%

Per il personale

290.080

50,40%

284.667

50,39%

Per materie prime sussidiarie, di consumo e merci

29.115

5,06%

30.546

5,41%

Per servizi

193.732

33,66%

193.748

34,30%

Per godimento di beni di terzi

14.385

2,50%

14.322

2,54%

Ammortamenti e svalutazioni

37.383

6,50%

40.174

7,11%

Variazione delle rimanenze

568

0,10%

(4.031)

(0,71%)

Oneri diversi di gestione

10.224

1,78%

5.445

0,96%

TOTALE COSTI della produzione

575.487

100%

564.871

100,00%

Dalla tabella si evidenzia come la voce di spesa per il personale sia quella che incide maggiormente sul totale dei costi.
Nei costi per servizi sono registrate le fatture ricevute dagli altri soggetti (cooperative sociali) in Associazione Temporanea di Impresa con Croce del Sud, nel servizio per la manutenzione del verde per il Comune di Trieste (per € 122.618): Croce del Sud, in quanto capofila dell’A.T.I., poi rifattura l’intero ammontare al committente.

2.1.4 investimenti

Nel 2017 la cooperativa:

- ha continuato soprattutto con l’investimento in opere, attrezzature, macchine d’ufficio e arredi, sul terreno acquistato nel 2014 per renderlo adatto allo sviluppo della nuova attività legata alla cura e assistenza dei cani.

2.1.5 valutazione dei rischi

I rischi a cui è esposta la cooperativa sono evidenziati nella tabella sottostante. Per la valutazione dei rischi è stato utilizzato il prodotto RISCHIO = Probabilità x Danno, seguendo le seguenti scale:

Probabilità

 

Danno

1

Improbabile

 

1

Danno ridotto

2

Probabile

 

2

Danno medio

3

Molto probabile

 

3

Danno elevato


La valutazione del rischio presenterà quindi una scala da 1 a 9, dove la valutazione 1 corrisponde ad un rischio limitato o inesistente e la valutazione 9 ad un rischio molto elevato.

 

Rischio

Probabilità

Danno

Valutazione

Adeguamento CCNL

2

1

2

Rischio di mercato

2

2

4

Rischio di credito

1

2

2

Rischio di dipendenza da cliente

2

3

6

Rischio di liquidità

1

2

2


I rischi elevati così identificati sono:

-rischio di mercato, legato ai termini brevi delle commesse esistenti e alla valutazione delle difficoltà legate al loro rinnovo;

-rischio di dipendenza da cliente, legato alla considerazione che la quasi totalità dei ricavi proviene da committenti pubblici.

Per fare fronte ad ambedue i rischi identificati, la cooperativa, come già accennato in altre parti del presente Bilancio, ha avviato un’attività di ricerca di nuovi mercati per i servizi esistenti e di nuovi settori di sviluppo dell’impresa.

2.2 prospetto di determinazione del valore aggiunto

 

VALORE AGGIUNTO GLOBALE

2017

2016

2015

 

 

 

 

 

A)

Valore della produzione

563.880

594.197

556.140

1.

Ricavi delle vendite e delle prestazioni

561.201

588.651

553.715

 

- rettifiche di ricavo

 

 

 

2.

Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (e merci)

568

4.031

(1.872)

3.

Variazione dei lavori in corso su ordinazione

 

 

 

4.

Altri ricavi e proventi

3.247

1.515

4.297

 

Ricavi della produzione tipica

563.880

594.197

556.140

 

 

 

 

 

5.

Ricavi per produzioni atipiche (produzioni in economia)

 

 

 

 

 

 

 

 

B)

Costi intermedi della produzione

240.338

235.263

242.923

6.

Consumi di materie di consumo (cancelleria, merci c/acquisti per produzione di servizi))

 

 

 

 

Costi di acquisto merci (o Costo delle merci vendute)

28.197

29.197

28.308

7.

Costi per servizi

67.582

57.378

52.897

 

- servizi forniti da altre cooperative sociali

122.618

131.616

130.718

8.

Costi per godimento di beni di terzi

14.385

14.322

13.831

9.

Accantonamento per rischi

 

 

 

10.

Altri accantonamenti

 

-

9.897

11.

Oneri diversi di gestione

7-606

2.750

7.272

 

 

 

 

 

 

VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO LORDO

323.492

358.934

313.217

 

 

 

 

 

C)

Componenti accessori e straordinari

 

-

-

12.

+/- Saldo gestione accessoria

 

 

 

 

Ricavi accessori

 

 

 

 

- Costi accessori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO

323.492

358.934

313.217

 

 

 

 

 

 

- Ammortamenti della gestione per gruppi omogenei di beni

37.383

40.174

32.023

 

Ammortamenti immobilizzazioni immateriali

8.098

9.921

13.944

 

Ammortamenti immobilizzazioni materiali

29.285

30.253

18.079

 

 

 

 

 

 

VALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO

286.109

318.760

281.194

 


2.3 prospetto di riparto del valore aggiunto

DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO

2017   

2016

2015

 

 

 

 

 

 

 

Remunerazione del personale

 

293.615

289.680

217.873

 

Personale non dipendente

Lavoratori occasionali e lav. a progetto

 

437

 

 

 

Lavoratori autonomi: lavorazioni c/terzi

 

 

 

 

 

Ristorni ai soci

 

 

 

 

 

Soci lavoratori subordinati

 

 

 

 

 

INPS collaboratori

 

 

 

 

Personale dipendente:

 

 

 

 

 

 

a) - remunerazioni dirette – NON SOCI

 

 

 

 

 

      Salari e stipendi

31.826

4.999

 

 

 

      TFR

1.960

303

 

 

 

      Altri costi

228

 

 

 

 

b) - remunerazioni indirette (INPS e INAIL)

9.197

1.424

 

 

 

a) - remunerazioni dirette - SOCI

 

 

 

 

 

      Salari e stipendi

193.950

224.682

175.125

 

 

      TFR

14.505

15.335

12.757

 

 

      Ristorni ai soci

 

 

-

 

 

      Previdenza aziendale

 

 

 

 

 

      Altri costi

3.307

4.576

2.485

 

 

b) - remunerazioni indirette (INPS e INAIL)

38.642

37.924

27.506

 

 

c) - quote di riparto del reddito

 

 

 

 

 

Sanzioni disciplinari al personale

 

 

 

 

Remunerazione della Pubblica Amministrazione

- 20.414

2.551

3.802

 

Imposte dirette

Stato

 

 

 

 

 

Imposte dirette

 

 

354

 

 

   IRES

5

116

403

 

Imposte indirette

Imposte indirette

 

 

 

 

 

IVA indetraibile da pro-rata

 

 

 

 

 

   Imposta di bollo-registro-vidimazioni

144

738

603

 

 

   Tasse di concessione governativa

 

 

 

 

 

   Tasse automobilistiche

474

459

421

 

 

- sovvenzioni in c/esercizio

 

 

 

 

 

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

 

 

 

 

- sovvenzioni in c/esercizio

Imposte dirette

 

 

 

 

 

   IRAP

 

 

 

 

 

- sovvenzioni in c/esercizio

- 16.495

 

 

 

 

Provincia di Trieste

 

 

 

 

 

- sovvenzioni in c/esercizio

 

 

 

 

 

C.C.I.A.A. di Trieste

 

 

 

 

 

Imposte indirette

287

338

539

 

 

   diritti annuali CCIAA

190

188

164

 

 

- sovvenzioni in c/esercizio

 

 

 

 

 

Comune di Trieste

 

 

 

 

 

Imposte indirette

195

188

274

 

 

   IMU

409

410

1.044

 

 

   Imposta pubblicità

 

 

 

 

 

   TARSU/TASI

113

114

 

 

 

   Spese contrattuali

420

 

 

 

 

- sovvenzioni in c/esercizio

- 6.262

 

 

 

 

Altri

 

 

 

 

 

- sovvenzioni in c/esercizio: Az. Sanitaria Triestina

 

 

 

 

Remunerazione del capitale di credito

 

11.085

11.251

9.838

 

Oneri per capitali a breve termine

Interessi passivi v/ banche ordinarie

 

43

79

 

 

Interessi passivi v/banche etiche

 

 

 

 

 

Interessi passivi v/istituti pubblici

 

 

 

 

 

Interessi passivi v/sovventori III° settore

 

 

 

 

 

Interessi passivi v/altri sovventori privati

16

29

37

 

 

Interessi passivi v/prestiti da soci

 

 

 

 

 

Interessi passivi v/Stato per dilazione imposte

9

10

17

 

 

Interessi attivi su banche ordinarie

- 17

- 6

- 4

 

Oneri per capitali a lungo termine

Interessi passivi v/ banche ordinarie

10.734

10.735

9.266

 

 

Interessi passivi v/banche etiche

343

469

451

 

 

Interessi passivi v/istituti pubblici

 

 

 

 

 

Interessi passivi v/sovventori III° settore

 

 

 

 

 

Interessi passivi v/altri sovventori privati

 

 

 

 

 

Interessi passivi v/prestiti da soci

 

 

 

 

Remunerazione del capitale di rischio

 

 

 

 

 

Dividendi (utili distribuiti alla proprietà)

 

 

 

 

 

Remunerazione dell'azienda

 

628

13.928

48.402

 

+/- Variazione riserve

Variazione del capitale netto

 

 

 

 

 

Utile d'esercizio

628

13.928

48.402

 

 

Perdita d'esercizio

 

 

 

 

Liberalità esterne

 

1.195

1.350

1.279

 

A sostegno organizzazioni, eventi, manifestazioni

280

260

260

 

A sostegno altri enti III° settore

 

 

 

 

Partecipazioni associative

915

1.090

1.019

 

A sostegno pubblicazioni

 

 

 

VALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO

 

286.109

318.760

281.194

 

 

 

 

 

Per effetto dell'applicazione del D.Lgs. 139/2015, si è proceduto con la riclassificazione di alcune voci di bilancio: il D.Lgs. 139/2015 prevede infatti l’abrogazione della voce E) del conto economico del bilancio (proventi ed oneri straordinari) e la riclassificazione delle poste in essa registrate. Per garantire la comparabilità dei bilanci degli esercizi 2017, 2016 e 2015, la riclassificazione è stata eseguita anche sulle poste dell’esercizio 2015.

La tabella indica che il 102,62% del valore aggiunto è investito nella remunerazione del personale.

La quasi totalità degli oneri finanziari sono rappresentati dagli interessi pagati per il mutuo acceso nel 2014 per l’acquisto del terreno di Padriciano (TS) e per un finanziamento richiesto per l’acquisto di un mezzo di trasporto di cui si è dotata, nel 2015, la cooperativa.

Nella tabella sottostante, la rappresentazione della composizione del valore aggiunto per l’anno 2017:




PARTE 3 - RELAZIONE SOCIALE


3. relazioni con gli stakeholder interni

3.1 individuazione

Si individuano in qualità di stakeholder interni:

• Soci
• Lavoratori

Ossia quei soggetti che risultano essere al contempo sia influenti che influenzati rispetto alle vicende della Cooperativa.


3.2 soci

In base alle categorie previste dallo Statuto si osserva come, nell’esercizio 2017, la composizione della base sociale si sia così costituita:

Categorie

n. soci

Cooperatori

Soci lavoratori

11

Soci volontari

2

Soci fruitori

0

Soci sovventori

0

Totale

13

 

 

 


L’andamento del numero di soci nel corso dell’esercizio 2017 viene evidenziato nel seguente prospetto:

Andamento n. Soci 2017

n. soci totali al 31.12.2016

Numero ammissioni

Numero recessi/esclusioni

n. soci totali al 31.12.2017

17

0

4

13

 


3.3 analisi soci …

La natura della relazione con i soci è di natura mutualistica; informativa; decisionale; lavorativa (scambio lavoro – remunerazione); di integrazione sociale (soci svantaggiati); ecc.
In base alla categoria dei soci si sviluppa di seguito un’analisi tipologica tesa ad inquadrare la composizione della base sociale ed alla definizione delle relazioni che la caratterizzano.

Genere

n. soci

Femmine

6

Maschi

7

TOTALE

13

 

La distribuzione di genere della base sociale dimostra un’incidenza di poco più del 35% di donne sul totale di soci. Si rileva che la maggioranza delle donne presenti in cooperativa ha figli a carico.

Cittadinanza

n. soci

Italiana

12

Altra

1

TOTALE

13


La Cooperativa offre opportunità lavorative a persone provenienti da paesi extraeuropei che testimoniano della presenza di cittadini stranieri sul territorio, che nella base sociale è rappresentata da una socia proveniente dalla Serbia.


… per classi di età

Classi d'età (*)

n. soci

18-30

2

31-39

1

40-50

6

over 50

4

TOTALE

13


La composizione in base all’età, evidenzia la prevalenza di soci lavoratori di età compresa tra i 40 e 50 anni.

… per comune di residenza

Comune di residenza

n. soci

Trieste

13

TOTALE

13

… per titolo di studio

Titolo di studio

n. soci

Licenza elementare

1

Licenza media

6

Diploma superiore

4

Laurea

2

TOTALE

13

… per tipologia contrattuale

Tipologia contrattuale (solo per i soci lavoratori)

n. soci

Contratto di lavoro subordinato CCNL Coop Soc

11

Contratto di collaborazione

-

Contratto lavoro autonomo

-

TOTALE

11

 

… per condizione di svantaggio

Tipologia (solo per i soci lavoratori)

Maschi

Femmine

TOTALI

In condizione di svantaggio:

 

 

 

a) i soggetti indicati nell'articolo 4, comma 1, della legge 381/1991

 

 

 

Invalidi fisici, psichici e sensoriali

 

 

 

Ex degenti di istituti psichiatrici

 

 

 

Soggetti in trattamento psichiatrico

 

 

 

Tossicodipendenti

3

 

3

Alcolisti

3

 

3

Minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare

 

 

 

Condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione

 

 

 

b) altre persone in stato o a rischio di emarginazione sociale segnalate dagli enti locali

 

 

 

 

 

 

 

TOTALE

6

0

6


I dati sopra indicati evidenziano come circa il 50% dei soci della cooperativa sono persone in una qualche situazione di svantaggio e/o di esclusione sociale.

… per anzianità di servizio

Anni servizio

(Solo per i soci lavoratori)

n. soci

Dal 1999 al 2007

1

Dal 2008 al 2014

6

Dal 2014 al 2015

2

Dal 2016

2

TOTALE

11

 

 

Essendo il dato relativo specifico per la base lavorativa, non sono computati in questo calcolo i soci volontari.

Si specifica che l’anzianità di servizio e quella associativa coincidono, poiché tutti i soci della cooperativa (tranne i due volontari), sono impiegati nelle attività.

3.4 retribuzioni e compensi

Livello contrattuale

(Solo per i soci lavoratori)

n. soci

A1

2

B1

6

C3

1

E2

1

F2

1

TOTALE

11

Non vi sono differenze nella retribuzione lorda tra lavoratori svantaggiati e normodotati.


3.4 formazione

Nel 2017 un socio ha partecipato ad un corso per migliorare le capacità d’uso del programma MS EXCEL.Il corso è stato organizzato dal Consorzio INTERLAND e finanziato tramite il Fondo Paritetico Interprofessionale. Sempre nel 2017 si è svolto il corso di primo soccorso veterinario rivolto ai lavoratori del centro di Padriciano weDog.

Ente formatore

Contenuti / argomenti

Ore

n. partecipanti

Eric Sardoc

primo soccorso veterinario

4

 

5

       

 

Ente formatore

Contenuti / argomenti

Ore

n. partecipanti

ERGONGROUP

Corso di Excel avanzato

15

1

 


3.5 ore di lavoro prestate / assenze dal lavoro …

Nel corso del 2017, le ore di presenza/assenza dei soci lavoratori della cooperativa, possono essere così riassunte:

Voce

n. ore

%

Ore di lavoro prestate

16.928

92,15%

Ore di formazione

23

0.12%

Ore di assenza per:

 

 

Malattia

110

 

Infortuni

-

 

Maternità

-

 

Altro (ferie e permessi)

1.310

 

Totale ore di assenza

1.420

7,73%

TOTALE

18.371

100,00%

 

 

 


3.5.1 … per alcune categorie

Numero di donne sul totale dei lavoratori, con dettaglio per ciascuna tipologia di contratto di lavoro ed indicazione delle ore di lavoro prestate:

Tipo di contratto

n.

%

Ore lavoro

 

A2

1

8,39%

560

 

B1

1

17,71%

1.181

 

C3

1

23,72%

1.582

 

E2

1

 25.13%

1.676

 

F2

1

  25.05%

1.670

 

TOTALE

5

100,00%

6.669

 


Numero di persone svantaggiate (*) sul totale dei lavoratori, con dettaglio per ciascuna tipologia di contratto di lavoro ed indicazione delle ore di lavoro prestate:

Tipo di contratto

n.

%

Ore lavoro

A1

2

29.73%

2.095

B1

7

  70.27%

4.951

TOTALE

9

100,00%

7.046

(*) di cui all’articolo 13, comma 1, lettere a) e b), della legge regionale 20/2006

3.6 coinvolgimento dei lavoratori

Croce del Sud organizza riunioni di settore, incontri con singoli Soci o gruppi ristretti e riunioni plenarie. La cooperativa promuove gli incontri in modo da tener conto delle esigenze dei Soci invitati e la presenza agli incontri è piuttosto elevata. Nel 2017 non sono stati utilizzati indicatori specifici in merito alla frequenza e alla partecipazione agli incontri e al grado di soddisfazione del soci, e non è quindi possibile analizzare i relativi dati.

3.7 salute e sicurezza

La cooperativa ha adottato tutte le prescrizioni in materia di sicurezza.

4. relazioni con gli stakeholder esterni

4.1 individuazione Si individuano in qualità di stakeholder esterni:

           

Direttamente coinvolti

Indirettamente coinvolti

Esterni

Clienti e committenti

Pubblica amministrazione

Consorzi

Servizi sociali

Organizzazioni cooperative

Fornitori

Istituti di credito

 

Sindacato

Comunità locale


Nei paragrafi a seguire sono evidenziate per ciascun soggetto le relazioni intercorse nel corso dell’anno 2017.

4.2 clienti e committenti…

Nel 2017 l’attività della cooperativa è stata realizzata a favore di Enti pubblici, clienti privati e imprese. I contratti della cooperativa sono stati stipulati direttamente con i clienti (appalto o affidamento). Questa distribuzione delle commesse riguarda tutti i settori della cooperativa.


… per categorie

Categorie

Valore anno

%

Enti Pubblici

475.632

84,75%

Clienti – Soggetti IVA

84.001

14,97%

Clienti – Consumatori finali

1.568

0,28%

TOTALE

€  588.651

100,00%

… per servizio / attività

Settore

Cliente

Valore anno

%

 

Verde

Comune di Trieste

475.632

84,75%

 

Pulizie

Privati

26.114

4,65%

 

Vendite: Negozio

Privati

21.765

3,88%

 

Vendite: Attività di assist./cura animali

Privati

37.690

6,72%

 

TOTALE

 

561.201

100,00%

 

 

… condizioni di negoziazione

Appalti pubblici

475.632

Contratti privati

26.114

Vendite privati

59.455

TOTALE

561.201

 

I contratti privati si esauriscono con la realizzazione del servizio. Il contratto per la manutenzione del verde per il Comune di Trieste ha scadenze brevi ed è rinnovato più volte all’anno.

… azioni di coinvolgimento

Il coinvolgimento dei clienti è un’attività costante in particolare per quanto riguarda la manutenzione del verde. Come già indicato in altra parte del presente bilancio (vedi p.to 1.3.1 principali attività), questa commessa è particolarmente delicata e il servizio è finalizzato a garantire la massima fruizione degli spazi oggetto dell’intervento (giardini pubblici). Per questi motivi, i risultati del lavoro e le modalità operative, sono oggetto di costante verifica e scambio con i clienti. La cooperativa mantiene informati i clienti e riceve richieste e indicazioni, garantendo un livello di coinvolgimento e collaborazione particolarmente elevato.

… grado di soddisfazione

La rilevazione della soddisfazione dei clienti è effettuata nel contesto del Sistema Qualità, inserito a partire dalla metà del 2012. I committenti dei servizi (Comune di Trieste e Consorzio Interland) sottoscrivono un buon livello di soddisfazione.


4.3 Pubblica Amministrazione

Stato – Repubblica Italiana Il rapporto con lo Stato di esplica nella dimensione fiscale: dal 2012, per effetto del D.L. 138/2011 che ha modificato la tassazione prevista per le cooperative sociali intervenendo sull'art. 6 del D.L. n. 63/2002, è stata stabilita, per le cooperative sociali di tipo produzione e lavoro che rispettano il requisito dell'ammontare di retribuzioni corrisposte ai soci non inferiore al 50% del totale degli altri costi - escluse materie prime e sussidiarie –, una tassazione del 27,5% sul 10% degli utili netti annuali destinati a riserva obbligatoria. Successivamente, la Legge di Stabilità 2016, ha disposto l’abbassamento dell’aliquota a partire dal periodo d’imposta 2017, dal 27,50% al 24%. Di conseguenza la cooperativa provvede a stanziare a bilancio il valore dell’IRES come sopra indicato.
La cooperativa beneficia invece dell’esenzione dalla tassazione IRAP ai sensi della legge regionale n. 3 del 25/01/2002 art. 2 bis e dal versamento delle poste contributive per i lavoratori dipendenti ex art. 4 L. 381/91.
In quanto cooperativa sociale di inserimento lavorativo Croce del Sud gode della esenzione dei contributi previdenziali per i soggetti ex- art. 4 della Legge 381/91.

Regione Friuli Venezia Giulia Per l’esercizio 2017 la cooperativa ha presentato alcune domande di contributo sui capitoli a disposizione della Legge 20/2006.

La REGIONE FVG ha emanato i seguenti decreti di concessione:

  • - Contributo per consulenze (decreto di concessione 4378/PROTUR dd. 14/12/17) € 6.150,00;
  • - Contributo per acquisto di impianti, macchinari, arredi e attrezzature (decreto di concessione 4457/PROTUR dd. 15/12/17) € 2.892,06;
  • - Contributo per il mantenimento in occupazione di persone svantaggiate (decreto di concessione 4401/PROTUR dd. 15/12/17) € 16.133,27;
  • - Contributo per ristrutturazione, ammodernamento e ampliamento di immobili aziendali (decreto di concessione 4540/PROTUR dd. 18/12/17) € 26.000,00.


4.4 Consorzio Croce del Sud è tra i soci fondatori di due consorzi di cooperative sociali:

Consorzio Interland – il Consorzio opera come erogatore di servizi reali (contabilità e servizio paghe) e general contractor a favore delle associate. I rapporti tra Croce del Sud e Interland sono quindi particolarmente stretti e frequenti, riguardando da un lato la gestione amministrativa ordinaria e straordinaria della cooperativa e dall’altro contenuti commerciali non secondari per l’impresa. Croce del Sud partecipa regolarmente ai momenti assembleari e agli incontri organizzati dal Consorzio e intrattiene rapporti diretti con la presidenza e il personale degli uffici tecnici. Da sottolineare che Croce del Sud esprime un amministratore nel CdA del Consorzio: la presidente della cooperativa Cristina Cecchini è stata eletta a tale carica nel maggio 2010 e poi rinnovata sia a maggio 2013 che a maggio 2016.

Consorzio Ausonia – nel caso di Ausonia, la cooperativa non ha attività o collaborazioni in essere. Croce del Sud ha partecipato alla costituzione del Consorzio e alle successive ricapitalizzazioni. La presidente della cooperativa Cristina Cecchini, è stata eletta come membro del CdA del Consorzio nel luglio 2012 ed è rimasta in carica fino all’assemblea di approvazione del bilancio dell’esercizio 2014.

4.5 Servizi sociali

Il rapporto con i servizi sociali riguarda l’inserimento lavorativo in cooperativa. L’attività di svolge sia in fase di primo inserimento, spesso gestito tramite l’assegnazione di un periodo di borsa di formazione e lavoro che precede l’assunzione, sia successivamente all’assunzione, in caso di verifiche periodiche o di situazione di difficoltà. La collaborazione prevede la comunicazione costate tra la cooperativa e il servizio, l’organizzazione di incontri e riunioni e la gestione congiunta delle problematiche. In particolare, Croce del Sud collabora con il Servizio per le Dipendenze Legali e Illegali e con il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste.

4.6 Organizzazioni cooperative

Croce del Sud aderisce a:

Confcooperative – Federazione delle Cooperative e Mutue di Trieste - Croce del Sud aderisce a Confcooperative fin dalla costituzione della cooperativa. La centrale cooperativa assicura il servizio di informazione, formazione e aggiornamento costante sulle novità normative e sulle opportunità formative, di finanziamenti, ecc. presenti sul territorio.

Lega delle Cooperative del Friuli Venezia Giulia – Croce del Sud aderisce a Legacoop da novembre del 2010. Tale scelta è una conseguenza del recente processo di unità cooperativa che ha portato nei primi mesi del 2011 alla costituzione dell’Alleanza delle Cooperative Italiane tra AGCI, Confcooperative e Legacoop e della ricerca di Croce del Sud di nuovi contatti e rapporti che possano portare ad opportunità di sviluppo per la cooperativa.

4.8 Istituti di credito

Le relazioni con gli istituti bancari si identificano principalmente per una fruizione dei servizi di credito ordinario quale la gestione di conti correnti bancari.
Dopo aver fatto ricorso al credito con l’accensione di un mutuo per l’acquisto della proprietà di Padriciano (TS) nel 2014 presso la Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse società cooperativa, nel 2015 è stato chiesto ed ottenuto un finanziamento presso la Banca Popolare Etica s.c.p.a. per l’acquisto di mezzo Suzuki Jimny destinato all’attività di cura e assistenza cani “Wedog”.
Alla fine dell’esercizio sempre con la BCC di Staranzano e Villesse si è ottenuto un prefinanziamento di € 140.000 per affrontare le spese di ampliamento del centro di Padriciano, da formalizzare al momento dell’avviamento dei lavori e a conclusione degli stessi, prevista per primavera 2018, si procederà all’accensione di un nuovo mutuo a copertura anche di quello acceso nel 2014.

4.9 Comunità locale

Il rapporto con la comunità locale è di tipo informale e attiene prevalentemente alla gestione dei servizi della cooperativa. Il settore della manutenzione del verde in particolare permette e richiede un costante contatto con i cittadini che utilizzano gli spazi verdi della città.


4.10 Sindacato

Nel 2017 la cooperativa non ha collaborato con l’organizzazione sindacale.

L’assunzione degli impegni viene classificata su due livelli:

  • - in riferimento all’esercizio 2018, con la definizione di alcuni obiettivi il raggiungimento dei quali verrà puntualmente analizzato nel BS 2019;
  • - in riferimento agli esercizi successivi, con la definizione di obiettivi / azioni / orientamenti, rispetto ai quali potranno essere determinati nei futuri esercizi specifici obiettivi.

Per l’esercizio 2018

Obiettivi

Mantenimento del Sistema Qualità Il Sistema Qualità è necessario sia come strumento commerciale che come sistema di programmazione, controllo e rendicontazione interna, strettamente legato al bilancio sociale.
Ricerca nuovi mercati per i servizi esistenti Nel 2014 la cooperativa ha investito nello sviluppo di un nuovo settore di attività, quello cinofilo che, iniziato nel 2015 avrà pieno avvio nel corso del prossimo biennio, a conclusione dell’ampliamento previsto nel 2018 delle strutture di ricezione.
Ha inoltre mantenuto le commesse attive nel 2017 e ampliato l’attività commerciale.
Si auspica per i prossimi esercizi che ci siano nuove opportunità di partecipazione alle gare d’appalto riservate alle cooperative sociali e non, anche in collaborazione con altre realtà attive sul territorio.
La cooperativa intende proporsi a partire dal prossimo esercizio per la gestione del Bagno Ausonia.

Per gli esercizi successivi

Obiettivi / azioni / orientamenti / strategie

Nel corso del biennio 2017/2018 sono previsti i lavori per il completamento della struttura di weDog. L’ulteriore investimento porterà dal 2018 la capacità ricettiva per lo svolgimento del servizio di pensione dei cani che permetterà al settore di essere economicamente autosufficiente.
Sviluppo nuovi settori / attività produttive L’attività di ricerca e analisi di nuovi settori e attività produttive iniziata negli anni precedenti proseguirà negli esercizi successivi e deve essere considerata un’attività a medio-lungo termine.
Il Consorzio Ausonia, del quale la nostra cooperativa è socia, intende proporre alle consorziate la gestione dello stabilimento balneare dalla prossima stagione. Data la competenza nel settore e la professionalità di molti soci della cooperativa, si è deciso di candidarsi per l’ottenimento della gestione del ramo d’azienda a partire dalla stagione 2018.

 

bottom img 1bottom img 2bottom img 3bottom img 4

Dove trovarci